The Others - Alejandro Amenabar PDF 
di Barbara Rossi   

"La paura del buio, la paura delle porte chiuse e degli armadi, ma in generale la paura di qualsiasi cosa che potesse nascondere qualcuno o qualcosa": queste sono - per sua stessa ammissione - le paure infantili del giovane regista cileno - spagnolo Alejandro AmenÓbar, con The Others alla prima prova hollywoodiana dopo Tesis (1996) e Apri gli occhi (1997), di cui Tom Cruise ha acquistato i diritti e recentemente girato il remake dal titolo Vanilla Sky.

In effetti, tutte e tre le opere prime dell'esordiente AmenÓbar ruotano intorno alla tematica della paura, che a volte si trasforma in terrore allo stato puro, a volte rimane invece sul filo di un'inquietudine pi¨ sottile e snervante: "Quella di Tesis Ŕ una paura che deriva dalla violenza, in Apri gli occhi, invece, dall'incertezza del futuro. In questo ultimo film Ŕ il rapporto con la morte e il soprannaturale che genera inquietudine e paura".
E' retorico sottolineare come le paure personali di AmenÓbar, quelle stesse paure che lui trasferisce nei suoi film, siano indici significativi di un'angoscia pi¨ generalizzata e profonda, figlia del secolo appena trascorso, con i suoi relativismi filosofico - culturali, ma non solo; si tratta anche di un'angoscia generazionale, figlia delle incertezze di una folta schiera di trentenni (AmenÓbar Ŕ del 1972) in crisi di crescita.

Dice il regista, "The Others per me Ŕ una metafora del mistero della vita e della morte": noi aggiungiamo, di ci˛ che crediamo di conoscere ma in realtÓ non conosciamo affatto, una critica all'imperante raziocinio occidentale, che - a furia di classificazioni - non Ŕ pi¨ in grado di vedere.
In ultima analisi The Others si qualifica anche un discorso sul mezzo cinematografico come grande prestigiatore e, nello stesso tempo, rivelatore di veritÓ misteriose (ma solo per chi Ŕ in grado di decifrare il suo linguaggio, di captare la forza delle sue allegorie).
Anne (Alakina Mann) e Nicholas (James Bentley), i due terrorizzatissimi bambini protagonisti del film, costretti a vivere immersi in un'oscuritÓ perenne o al limite in una appena tollerabile penombra, riproducono la stessa condizione degli spettatori in sala, come loro alle prese con singolari, impalpabili presenze (i personaggi sullo schermo) che al pari dei sogni rifiutano la fredda realisticitÓ della luce.
Le immagini iniziali di The Others, sulle quali scorrono i titoli di testa, ricordano le illustrazioni di un racconto per l'infanzia o le figurine irreali di un teatrino d'ombre, perchÚ il film Ŕ anche e soprattutto questo, uno scherzo degli occhi e del senso.

Sul piano del contenuto e ad una lettura superficiale The Others appare come un condensato dei romanzi di paura per adulti, una storia di fantasmi e di ossessioni religiose; poi - come nel gioco delle scatole cinesi - si rivela la narrazione di un orrendo delitto e della nevrosi che ne sta alla base; ad un livello pi¨ profondo Ŕ la rappresentazione della moderna crisi dell'individuo e della conseguente scissione della coscienza: il riferimento Ŕ a una realtÓ soprannaturale, ma Ŕ del nostro mondo, del nostro sistema di conoscenze che si vuol parlare.
Si sprecano - a questo proposito - le contaminazioni, i collegamenti incrociati fra letteratura cinema e cultura popolare: AmenÓbar pesca dal gran calderone dell'immaginario collettivo (Ŕ notevole lo sforzo intersemiotico richiesto allo spettatore), dai sogni, dalle fiabe di magia, dalla letteratura fantastica e - in particolare - dal romanzo gotico (vedi i motivi topici della casa infestata, del bosco incantato, della soffitta stregata); colloca la propria storia nell'isolamento spazio - temporale delle Isole del Canale - 1945 - stemperando con nebbiose atmosfere jamesiane (Il giro di vite) e un'eleganza formale tutta europea la labirinticitÓ di una struttura narrativa hitchcockiana (con colpi di scena alla Shyamalan de Il sesto senso, 1999).

E come dimenticare quel pizzico di surrealismo bunueliano che pervade l'intera opera? Certo, il citazionismo in alcuni momenti pu˛ risultare eccessivo, ma rimane comunque il segnale pi¨ tangibile della funambolica bravura e della competenza culturale di AmenÓbar.
Nicole Kidman (Grace), poi, Ŕ straordinaria nella sua dolorosa, granitica compostezza, nel suo algido mistero. Anche per la sua interpretazione si Ŕ messa in campo una ridda di riferimenti: alla Deborah Kerr di Suspence (1961), di Jack Clayton, alla Ingrid Bergman di Angoscia (1944), di George Cukor, mentre lei stessa ammette di aver preso a modello le figure di donna di Grace Kelly nei film di Hitchcock. A nostro parere, invece, la bravura della Kidman consiste proprio nell'aver saputo dar vita a un personaggio cosý complicato emancipandosi da ogni possibile archetipo: ci basti dire che risulta fastidiosamente convincente.

Segnaliamo due scene, quella d'apertura con in primo piano il lungo urlo di Grace, introduzione e presagio di un'inquietudine lunga novantacinque minuti, e quella finale, che a sorpresa scardina le convinzioni dello spettatore, riproponendo all'infinito la pirandelliana domanda: "Chi sono gli altri?"

 


#01 FEFF 15

Il festival udinese premia il grandissimo Kim Dong-ho! Gelso dĺOro allĺalfiere mondiale della cultura coreana e una programmazione di 60 titoli per puntare lo sguardo sul presente e sul futuro del nuovo cinema made in Asia...


Leggi tutto...


View Conference 2013

La pi¨ importante conferenza italiana dedicata all'animazione digitale ha aperto i bandi per partecipare a quattro diversi contest: View Award, View Social Contest, View Award Game e ItalianMix ...


Leggi tutto...


Milano - Zam Film Festival

Zam Film Festival: 22, 23 e 24 marzo, Milano, via Olgiati 12

Festival indipendente, di qualitÓ e fortemente politico ...


Leggi tutto...


Ecologico International Film Festival

Festival del Cinema sul rapporto dell'uomo con l'ambiente e la societÓ.

Nard˛ (LE), dal 18 al 24 agosto 2013


Leggi tutto...


Bellaria Film Festival 2013

La scadenza dei bandi Ŕ prorogata al 7 aprile 2013 ...


Leggi tutto...


Rivista telematica a diffusione gratuita registrata al Tribunale di Torino n.5094 del 31/12/1997.
I testi di Effettonotte online sono proprietà della rivista e non possono essere utilizzati interamente o in parte senza autorizzazione.
©1997-2009 Effettonotte online.